SALONE DEL MOBILE 2018 – REALTÀ VIRTUALE LA VERA SVOLTA NELL’ARREDAMENTO

Salone del mobile 2018: è la realtà virtuale la tecnologia protagonista del salone del mobile 2018 che si tiene in fiera a Milano dal 17 al 22 Aprile.
Ormai all’ordine del giorno, in tv e sul web, non poteva mancare la presenza in molti stand della VR, la tecnologia più rivoluzionaria e attualmente più discussa. Nel settore dell’arredamento, soprattutto, sia per marchi nuovi che più solidi nel mercato italiano e internazionale sembra ormai un dato di fatto guardare al futuro attraverso un visore di realtà virtuale.

Utilizzi della realtà virtuale nel mobile

Innumerevoli gli usi, primo tra tutti quello pratico: realtà virtuale nel salone del mobile 2018 per dare vita alle idee e condividerle senza limiti di interpretazione.
In secondo luogo a scopo comunicativo: cospicui gli investimenti per Lube e altri grandi marchi che spostano sull’innovazione un punto forte della loro immagine.

Clienti provano la realtà virtuale con htc vive al salone del mobile 2018

Il Salone del mobile, la realtà virtuale e le start-up

Nel Salone del Mobile 2018 la realtà virtuale parte sempre e comunque dalle start-up. Pioniere in italia, per quel che riguarda la realtà virtuale e la cugina realtà aumentata, si presentano in veste di accompagnatrici negli stand ma, di fatto, concorrono per più che metà del risultato.

Le start-up al Salone del mobile

Alcuni nomi: Dilum, Hollotransfer, Tecch3D tre startup che, il prossimo 19 aprile, parteciperanno all’evento Startup Design, organizzato dalla Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi nell’ambito del Fuori Salone 2018. La prima ha sviluppato un’app mobile di mixed reality dove scena digitale e reale si mischiano varcando una porta. Holotrasfer punta invece e permettere alle aziende di arredo di estendere il proprio showroom, portandolo persino nelle case dei clienti attraverso un’app di realtà aumentata. Mentre Tech3D, come dice il nome stesso, si occupa di tecnologia tridimensionale applicata a diversi settori, compreso quello dell’arredamento.

La realtà virtuale nel mondo del mobile e dell’arredamento

Airlapp presenta in altre fiere di settore Regiverse, la consolidata piattaforma che permette ad architetti ed arredatori di ovviare ai costi cospicui dell’infrastruttura hardware e arrivare subito al sodo utilizzando il proprio cellulare per caricare modelli di abitazioni, mobilio e scene tridimensionali. A fare la differenza, l’’app gratuita può essere condivisa e utilizzata da chiunque, clienti compresi direttamente da casa: il futuro, come attesta il caso industriale “Bedeschi”, vincitore del premio Innovazione Smau 2018 in fiera SMAU a Padova a Marzo.

Salone del mobile e VR?

Ecco quindi che, come appare ad un primo sguardo, nel salone del mobile 2018 la realtà virtuale profuma di innovazione e cambio di tendenza non solo nel design, ma anche nelle fasi di vendita. Una tecnologia che, vista la semplicità ormai raggiunta grazie a queste app, sarà sulle mani di tutti i professionisti e sotto gli occhi di tutti i loro clienti. Numerose le richieste già in campo: stand affollatissimi e favoriti.

L’applicazione della realtà virtuale nel mobile al di fuori della fiera?

Il prossimo passo: rendere la realtà virtuale utilizzabile anche in fase di progettazione, per i progetti custom.
Pionieri indiscussi del settore Lube Cucine e Scavolini, portano, nei propri store la realtà virtuale con HTC Vive.
Per dare la possibilità a tutti i clienti di immergersi nella loro casa arredata, indipendentemente dalla marca dei mobili, i Mobilifici Rampazzo Severino presto lanceranno il loro servizio VR presso le loro sedi. Tale servizio sarà parte del processo di modellazione 3D e sarà basato sulla piattaforma Regiverse.

2018-08-16T07:49:00+00:00 Tags: , , , |